Main menu

La meglio gioventù? | blog di Miki Rosco

ed ecco la trentina inquietante, torbida d'istinti / moribondi... ecco poi la quarantina / spaventosa, l'età cupa dei vinti, / poi la vecchiezza, l'orrida vecchiezza dai denti finti e dai capelli tinti. Guido Gozzano

Archivio Autore:

Hillary e il 68 che ha perso

  Hillary è una di noi, è una del movimento. È una sessantottina, posso aggiungere con precisione, perché nel 1968 abbandonò la fede repubblicana e divenne democratica, in seguito alla lotta  contro la Guerra del Vietnam. La sua città, Chicago, nell’agosto del 68 fu teatro dei più duri e violenti scontri tra studenti e polizia [...]

Cinema e 68

Andavamo a cinema ogni sabato, alle 18, io e tutti i miei amici. I compagni li lasciavo nel week end e tornavo a Peppe, Alberto, Gianlorenzo, oltre Vincenzo che c’era sempre. A Salerno c’erano sei/sette cinema, un paio dei quali aprivano alle 11 e andavano avanti fino allo spettacolo delle 22,30. Noi compravamo il biglietto [...]

Uccidere il padre

  Dall’inizio della contestazione e per tre anni buoni, con mio padre non parlai. Le nostre comunicazioni si fermavano all’utilità pratica (mi passi il sale?) e al litigio politico. Litigai ferocemente con mio padre quell’anno e quelli successivi, normalmente a tavola, quando eravamo costretti a stare insieme. Prima e dopo, ognuno faceva la sua vita, [...]

La rivoluzione sessuale

  Le compagne, angeli del ciclostile Di quello che è accaduto in quegli anni non mi sono perso nulla: quando non sono stato protagonista, sono stato almeno testimone. Solo della rivoluzione sessuale, confesso, mi sono sfuggite tutte le opportunità. Non so che sia accaduto a Berkeley o alla Sorbona (o magari anche alla Statale o [...]

Italia Germani 4 a 3

  Il gol di Rivera a 9 minuti dalla fine, il gol del mio Rivera,  è stata la gioia sportiva più grande che abbia mai avuto. Una gioia inutile, visto che poi avremmo perso la finale col Brasile, ma una gioia che non proverò mai più. Siamo nel 1970, a soli quattro anni dalla Corea, [...]

Il Pci

  L’ho sempre chiamato piccì, tutto attaccato, o “il Partito”, con la maiuscola che si sentiva anche parlando. Ancora oggi, se mi sentite dire “il Partito” parlo di quel partito lì, e gli amici mi prendono in giro, cercando di spiegarmi che quel partito, insieme a tante, troppe cose, non c’è più. Quando nel 1972, dopo anni di [...]

Compagni

Mi piacerebbe riuscire a spiegare che cosa significa “compagno” a chi non lo è mai stato. E forse dovrei aggiungere: a chi non lo è stato in quell’anno, perché quello è stato uno straordinario anno  di compagni: compagni che andavano e venivano, compagni che scoprivano solo allora di esserlo, compagni che lo sono rimasti tutta [...]

Assemblea generale

La prima assemblea che tenemmo al Tasso, la perdemmo rovinosamente. Imparai presto che la politica è capace di darti le delusioni più grandi e le sconfitte più brucianti. Assemblea era la nostra richiesta, l’assemblea per il movimento studentesco era più che una parola d’ordine e una rivendicazione, era lo scenario reale e immaginario per lo [...]

Vestivamo da contestatori

  La rivoluzione non è un pranzo di gala, come è noto a tutti, ma comunque bisogna andarci vestiti adeguatamente. Io frequentavo i compagni del movimento oramai, ero sempre con loro; con Peppe, Alberto e gli altri mi vedevo a scuola e parlavo di calcio, ma ormai il mio gruppo di riferimento – come dicono [...]

Liceo Occupato

Il 18 dicembre del 1968 il Tasso fu occupato. Erano passati pochi mesi, un trimestre giusto, dalla prima comparsa dl movimento al Liceo e già occupammo con una piattaforma rivoluzionaria, vincendo l’assemblea con una grande maggioranza. Tutti i miei amici – anche Alberto, che si era convertito per ultimo – votarono per l’occupazione, tutti volevamo cambiare il mondo, e [...]

FacebookTwitter