Main menu

La meglio gioventù? | blog di Miki Rosco

ed ecco la trentina inquietante, torbida d'istinti / moribondi... ecco poi la quarantina / spaventosa, l'età cupa dei vinti, / poi la vecchiezza, l'orrida vecchiezza dai denti finti e dai capelli tinti. Guido Gozzano

Category Archives: diario

racconti personali sulla vita negli anni 50/60/70

Italia Germani 4 a 3

  Il gol di Rivera a 9 minuti dalla fine, il gol del mio Rivera,  è stata la gioia sportiva più grande che abbia mai avuto. Una gioia inutile, visto che poi avremmo perso la finale col Brasile, ma una gioia che non proverò mai più. Siamo nel 1970, a soli quattro anni dalla Corea, [...]

La Corea

I Mondiali in Inghilterra  Lasciamo per un po’ le fanciulle in fiore e torniamo a passatempi virili. Luglio 1966, Inghilterra, mondiali di calcio. Arrivo preparatissimo. Non solo l’album delle figurine Panini, ma anche un libro storico di Gianni Brera, allegato a Epoca, mi ha istruito. So tutto sul passato, la vittoria dell’Uruguay nel primo mondiale, [...]

Giugno, finalmente!

L’estate Giugno è il più indulgente dei mesi, e non solo perché è il mese del mio compleanno. A  giugno finisce la scuola e si apre il periodo dell’anno più ricco di speranze, si affrontano le lettura più belle e rilassate, si mangia il primo gelato, si dà inizio alla stagione dei bagni. E si [...]

Sud e Nord

Le vacanze in Lucania  Da quando eravamo a Spezia non facevamo più vacanze al mare, visto che il mare lo avevamo in casa. Quindi luglio su  e giù da Spezia a Lerici, paesino a pochi chilometri, e poi, inesorabilmente, agosto a Potenza, patria amata/odiata dei miei. Le conversazioni sulle differenze tra Nord e Sud erano [...]

Uova per maschi e per femmine

La Pasqua e le sue amarezze La Pasqua era una festa  di qualità decisamente inferiore rispetto al Natale nella mia scala di priorità. I giorni di vacanza da scuola erano pochi, irrisori, non c’erano scadenze importanti – nulla di paragonabile ai regali sotto l’albero, ma nemmeno all’attesa della mezzanotte a capodanno – e anche dal punto di [...]

Raffaele in 1100

E’ arrivato Raffaele! Papà mi venne a svegliare e mi disse, con una faccia strana,  che era nato Raffaele. La faccia era strana perché mio padre aveva due espressioni che alternava nel suo andamento bipolare, una corrucciata (oggi si direbbe “incazzata”) quando il mondo non andava nella direzione che gli aveva impartito lui, e una [...]

Come fu che divenni comunista

Comunisti di testa e di pancia Quando facevo politica, anni dopo l’epoca di cui sto parlando, il giudice G. ,collega e amico di papà, mi chiese se ero un comunista di testa o di pancia. Mi spiegò che secondo lui – anarchico di destra che non era più andato a votare dopo la sconfitta della [...]

Diventare amici

Paolo  Con i compagni di classe ci chiamavamo per cognome, ma alcuni diventavano amici e solo con loro si passava al nome. Paolo era il mio amico, di quelle amicizie che nascono in quegli anni tra le elementari e le medie, amicizie senza  riserve, senza condizioni, forti di elementi che non so descrivere bene, complicità, [...]

Viva L’Italia!

Chi è il nostro nemico? Il mio teacher d’inglese, un giovane sfaccendato che era venuto a Salerno da Cambridge per fare una lunga vacanza prima di tornare in patria  a cercare lavoro, mi aveva chiesto una volta: “chi è il vostro nemico?”. Non gli avevo saputo rispondere: chi è il nemico dell’Italia? Alle elementari e [...]

Le malattie, Maratona e le terribili punture

Storia e tonsillite Sapevo tutto di storia, ho raccontato, ma la strada della conoscenza era stata accidentata. Il merito era delle mie frequenti “malattie”, cioè delle tonsilliti che mi colpivano puntualmente una volta al mese.  Quando eravamo malati, noi bambini, oltre a entrare in un regime igienico degno di un’epidemia di ebola (isolamento in camera [...]

FacebookTwitter